Archivia Dicembre 2019

L’IMPORTANZA DELLE SILIQUE

Le foglie da sole non sempre ci consentono di identificare una specie, in alcuni casi esse possono essere molto simili all’interno dello stesso genere o della stessa famiglia, in altri casi ancora, rari per fortuna, con le sole foglie è difficile addirittura determinare con certezza la famiglia botanica. E’ utile sapere che, per quanto riguarda la classificazione delle piante, ogni famiglia, genere e specie abbia degli elementi morfologici caratteristici la cui osservazione ci permette di riconoscere il gruppo di piante nel quale ci stiamo muovendo. In genere questi elementi sono i fiori e i frutti o parti di essi, ma ciò non esclude che vi possano essere altre strutture della pianta che svolgano la funzione di “segno di riconoscimento” facilitando il nostro compito. In definitiva il segreto è conoscere per ogni famiglia, genere e specie quali sono gli elementi della pianta da osservare con più attenzione, spesso infatti le persone inesperte fanno fatica a riconoscere le piante proprio perchè osservano le parti sbagliate o non sanno cosa osservare. Le Brassicaceae sono una famiglia che comprende numerose specie spontanee di notevole interesse per i foragers, quindi è importante conoscerla accuratamente, al suo interno troviamo alcune piante che hanno foglie molto simili e che per questo possono confondersi tra loro, ma se andiamo ad osservare con attenzione le silique (i frutti), il loro segno di riconoscimento in questo caso, ci accorgiamo che le differenze sono evidenti!

IncrEdibile Trekking domenica 22 dicembre

Valle delle Ferriere – Amalfi/Scala ************************************

Ritornano i percorsi alla scoperta delle piante spontanee commestibili in collaborazione con Roberto Vetromile e Discovering Wild Plants! Questa volta ci muoveremo nel meraviglioso contesto della Valle delle Ferriere, un luogo magico dove le particolarissime condizioni climatiche e la ricca presenza di acque hanno consentito lo sviluppo di un ecosistema di rara bellezza ed importanza. Ci muoveremo da Scala, affrontando un sentiero unico nel suo genere, ricco di storia e natura, che ci condurrà fino alla discesa nella valle. Qui visiteremo la riserva orientata Valle delle Ferriere, e dopo una pausa rifocillante ci muoveremo sulla strada del ritorno, raggiungendo il territorio di Pontone che attraverso le sue caratteristiche scale ci ricondurrà al punto di partenza.

Durante l’escursione imparerete a riconoscere le piante selvatiche utilizzando metodi semplici ed efficaci basati sullo studio e sull’osservazione di elementi quali le caratteristiche morfologiche e strutturali di fiori, foglie e frutti, l’habitat di crescita, le sensazioni tattili e gli odori. Verranno descritte le proprietà organolettiche e nutrizionali delle erbe che incontreremo, i loro usi tradizionali e gli aneddoti ad esse legati, saranno illustrate le modalità e le regole per raccogliere in modo sicuro, sostenibile e nel pieno rispetto della natura. Ci soffermeremo in particolare sulle piante commestibili, raccontando come trasformarle in cucina in piatti originali e gustosi, approfondendo la loro conoscenza ed evidenziando le differenze con eventuali piante tossiche simili, in modo da evitare spiacevoli confusioni.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Per maggiori informazioni e per iscriversi:
3335712359 Whatsapp
robertovetromile@gmail.com

SCHEDA TECNICA:
– Difficoltà: Media – Livello E- Escursionistico
– Lunghezza percorso: 9,5km
– Dislivello: +/- 600 mt
– Durata: 7h

EQUIPAGGIAMENTO:
– Acqua (almeno 1litro)
– Pranzo a sacco
– Scarpe da trekking con suola scolpita (obbligatorie)
– Giacca impermeabile antivento, abbigliamento a strati

L’escursione avrà inizio alle ore 9:00 e terminerà alle ore 16:30
Nel rispetto di tutti i partecipanti è richiesta massima puntualità.
Il luogo dell’appuntamento sarà comunicato a prenotazione effettuata.

Quota di partecipazione 15€ che comprende:
– conduzione di una guida ambientale escursionistica AIGAE Luigi Salvio, regolarmente
iscritto al registro Guide della Campania
– guida botanica a cura di Roberto Vetromile

Numero max partecipanti: 20 persone

ESCURSIONE NON ADATTA AI CARDIOPATICI, A CHI NON È ALLENATO, A CHI SOFFRE DI VERTIGINI.