Archivia Luglio 2020

SAFARI PLANT 7-14-28 AGOSTO

La Camosciara – Civitella Alfedena (AQ) ************************************

La riserva naturale integrale della Camosciara, toponimo legato alla cospicua presenza del camoscio d’Abruzzo, è un’area protetta situata nei comuni di Civitella Alfedena, Opi e Pescasseroli in provincia dell’Aquila, che rappresenta il nucleo originario e centrale del parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise che venne ufficialmente istituito l’11 gennaio 1923. Il percorso adiacente al torrente Scerto, affluente del fiume Sangro, termina alle cascate delle Ninfe e delle Tre Cannelle e si snoda in un anfiteatro naturale circondato da una corona di monti dall’aspetto dolomitico, in particolare i monti Capraro (2.100m) e Sterpi D’Alto (1.966m).

Una passeggiata comoda e adatta a tutti, all’ombra di numerose specie di alberi come Cerri, Maggiociondoli, Faggi e il Pino nero di Villetta Barrea, durante la quale sarà possibile osservare piante dalla rara bellezza poco comuni per l’appennino, in particolare la meravigliosa orchidea Scarpetta di Venere (Cypripedium calceolus), unica stazione per il centro-sud Italia, e l’Iris marsica, altro endemismo del parco. Ma sarà possibile ammirare anche Cirsium oleraceus, Paris quadrifolia, Gentiana cruciata, Carlina acaulis, Veratrum album e tante altre piante che poche passeggiate offrono in una così assortita concentrazione.

Durante i tour di Discovering Wild Plants vi insegnerò a riconoscere le piante selvatiche utilizzando metodi semplici ed efficaci basati sullo studio e sull’osservazione di elementi quali le caratteristiche morfologiche e strutturali di fiori, foglie e frutti, l’habitat di crescita, le sensazioni tattili e gli odori. Parleremo anche di piante commestibili, approfondendo la loro conoscenza ed evidenziando le differenze con eventuali piante tossiche simili, in modo da evitare spiacevoli confusioni.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Per maggiori informazioni e per iscriversi:
3335712359 Whatsapp
robertovetromile@gmail.com

SCHEDA TECNICA
– Difficoltà: Facile – Livello T – Turistico
– Lunghezza percorso: 5 km
– Dislivello: +/- 100 mt

EQUIPAGGIAMENTO
– Scarpe da trekking con suola scolpita (obbligatorie)
– Giacca impermeabile antivento, abbigliamento a strati
– Acqua (almeno 1,5 litri a persona)
– Pranzo a sacco

L’escursione avrà inizio alle ore 10:30 e terminerà alle ore 15:30 circa
Nel rispetto di tutti i partecipanti è richiesta massima puntualità.
Il luogo dell’appuntamento sarà comunicato a prenotazione effettuata.

Quota di partecipazione: 15 euro

Guida botanica: Roberto Vetromile

 

 

LE GIORNATE BOTANICHE 31 LUGLIO 1-2 AGOSTO

Macugnaga (VB) ************************************

Macugnaga è un comune della provincia del Verbano-Cusio-Ossola, in Piemonte, situato quasi al limite estremo della Valle Anzasca, derivazione laterale della Val d’Ossola, ai piedi del versante est del Monte Rosa e della sua famosa parete Est. Il territorio è solcato da numerosi corsi d’acqua tutti tributari del torrente Anza che nasce dalla fusione del Ghiacciaio del Belvedere e lambisce quasi tutte le frazioni del paese sino a confluire nella Toce. A Macugnaga si trovano inoltre numerosi laghetti alpini e un bacino artificiale: la diga della valle Quarazza, detta Lago delle Fate e il Lago delle Locce, piccolo bacino glaciale situato a oltre 2.300 metri s.l.m., originato dalla fusione del ghiacciaio omonimo.

Durante i Tours di Discovering Wild Plants imparerete a riconoscere le piante selvatiche utilizzando metodi semplici ed efficaci basati sullo studio e sull’osservazione di elementi quali le caratteristiche morfologiche e strutturali di fiori, foglie e frutti, l’habitat di crescita, le sensazioni tattili e gli odori. Ci soffermeremo in particolare sulle piante commestibili, approfondendo la loro conoscenza ed evidenziando le differenze con eventuali piante tossiche simili, in modo da evitare spiacevoli confusioni. Saranno illustrate le modalità e le regole per raccogliere le erbe spontanee in modo sicuro, sostenibile e nel pieno rispetto della natura e vi consiglierò come trasformarle in cucina in piatti originali, genuini e gustosi.

PROGRAMMA:

Venerdì 31 LUGLIO: escursione in Val Quarazza al Lago delle Fate
Scheda Tecnica
– Difficoltà: Facile, Livello T (Turistico)
– Lunghezza percorso: 6 km
– Dislivello: +/- 100 mt
– Durata: 5 ore (compresa pausa pranzo)
Quota di partecipazione: 25€ comprensiva di guida botanica e pranzo a sacco

Sabato 1 AGOSTO: escursione al Rifugio Zamboni e Lago delle Locce
Scheda Tecnica
– Difficoltà: Media – Livello E- Escursionistico
– Lunghezza percorso: 8 km
– Dislivello: +/- 800 mt (600mt di seggiovia)
– Durata 6 ore (compresa pausa pranzo)
Quota di partecipazione: 30€ comprensivi di guida botanica, pranzo a sacco e biglietto di andata della seggiovia

Domenica 2 AGOSTO: escursione all’Alpe Meccia e all’Alpe Bill
Scheda tecnica
– Difficoltà: Media – Livello E- Escursionistico
– Lunghezza percorso: 8 km
– Dislivello: +/- 400 mt
– Durata 6 ore (compresa pausa pranzo)
Quota di partecipazione: 25€ comprensiva di guida botanica e pranzo a sacco

Sabato 1 AGOSTO: cena selvatica a base di erbe locali
Quota di partecipazione: 25€ (bevande escluse)

Sono previsti i seguenti sconti:
– 15€ per chi partecipa a tutti gli eventi (3 passeggiate e cena selvatica)
– 10€  per chi partecipa a tre eventi
– 5€ per chi partecipa ad almeno due eventi

Equipaggiamento
– Scarpe da trekking con suola scolpita (obbligatorie)
– Giacca impermeabile antivento, abbigliamento a strati
– Protezioni per il Sole
– Acqua (almeno 1litro a persona)

N.B. tutti coloro che non saranno provvisti di equipaggiamento adeguato non potranno partecipare alle escursioni.
Alle escursioni di sabato 1 agosto e domenica 2 agosto possono partecipare solo persone in buone condizioni fisiche.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
3335712359 Whatsapp
robertovetromile@gmail.com

Il luogo e l’orario dell’appuntamento saranno comunicati al momento della prenotazione.
Nel rispetto di tutti i partecipanti è richiesta massima puntualità.

Guida botanica: Roberto Vetromile

Possibilità di pernottamento presso il Circolo ARCI – Al 220 Z’Makanà